Parliamo di autosvezzamento

Aggiornamento: 13 apr


Quando si parla di svezzamento, o meglio ancora di alimentazione complementare, non si possono seguire schemi e tabelle rigide per il semplice fatto che ogni bambino è a sè.

Devono essere rispettati i punti cardine della fisiologia che sono uguali per tutti, dopodichè si segue il bambino.

Autosvezzamento significa semplicemente offrire al bambino ciò che mangia la famiglia, seguendo i tagli sicuri.





Se la famiglia mangia i fusilli al ragù li mangerà anche il bambino.





Se la famiglia mangia la vellutata di zucca la mangia anche il bambino.





Non è vero che in autosvezzamento vanno offerti solo i pezzi e non è vero che se, ogni tanto il bambino vuole farsi imboccare, non si tratta di autosvezzamento.




In realtà al momento dell’introduzione di cibo solido il lattante ha bisogno di abituarsi a tutti i tipi di consistenze.

Dovrà quindi conoscere il pezzo, la consistenza pastosa, quella semiliquida in modo da imparare a gestirle tutte il prima possibile.

La modalità la si sceglie in base al comportamento del bambino a tavola.

Accetta di essere imboccato?

Lo si imbocca quando si offrono yogurt o vellutate.

Vuole provare da solo con il cucchiaio?





Lo si lascia provare.

Non accetta di essere imboccato?

Si prepara a pezzi in modo che possa fare da solo.

A 9 mesi vuole ancora tanto latte e poco cibo?

Si lascia che si autoregoli senza forzature.

Insomma non ci sono regole ferree o cose che i bambini devono fare.

Lo svezzamento dovrebbe essere un processo assolutamente fisiologico e sereno,

sia per il bambino che per la famiglia.

E’ importante quindi informarsi su ciò che è davvero importante e che permette di

preservare la salute e la sicurezza del bambino.

Tutto il resto dipende da voi e dal vostro cucciolo!


Sei interessato all'argomento puoi avere maggiori info a

questo link https://www.bettercallsam.it/corso-svezzamento




25 visualizzazioni0 commenti